Pompe di calore: per scaldare nelle stagioni intermedie e raffrescare d’estate

Pompe di calore: per scaldare nelle stagioni intermedie e raffrescare d’estate

I climatizzatori con pompa di calore raffrescano nella stagione calda e riscaldano nelle stagioni intermedie e in quella invernale, facendo risparmiare sui consumi di energia elettrica. Pensarci per tempo a volte permette di spuntare prezzi migliori…

Quando si parla di pompa di calore si intende un climatizzatore che può essere impiegato sia per il riscaldamento sia per il raffrescamento. Si tratta di un sistema reversibile basato sul principio dell’inversione del ciclo del freddo. Grazie alla pompa di calore si può riscaldare un ambiente e produrre acqua calda sanitaria con un sistema alternativo alle normali caldaie e un vantaggio in termini di minore assorbimento energetico. I climatizzatori con pompa di calore funzionano con sistema Inverter, che ha sostituito da qualche anno il vecchio on-off, dotato di un dispositivo elettronico che aumenta o diminuisce il regime di rotazione del compressore, permettendo in questo modo di modulare automaticamente e continuamente la potenza e la velocità di funzionamento del climatizzatore stesso. In altre parole l’Inverter regola la potenza effettivamente necessaria al raffrescamento o riscaldamento dell’ambiente in cui l’apparecchio è installato. In questo modo si raggiungono risparmi consistenti di energia elettrica, a partire dal 30%, rispetto ai vecchi modelli on-off.

I climatizzatori dotati di DC Inverter garantiscono consumi energetici ancora più bassi di quelli Inverter, oltre a migliorare la silenziosità e la rapidità di funzionamento dell’apparecchio. I consumi dei climatizzatori sono riportati sull’etichetta energetica, sui cui è indicata anche la classe di efficienza energetica del modello specifico – dalla lettera A+++ che indica gli apparecchi con i consumi più bassi di energia fino alla lettera D per quelli dai consumi più alti. Per i modelli di climatizzatori split, cioè con un’unità interna e una esterna, la classificazione energetica è basata su un indice di efficienza energetica stagionale “SEER” in modalità raffreddamento e su un coefficiente di prestazione stagionale “SCOP” per il riscaldamento; quest’ultimo è calcolato per le tre principali fasce climatiche dell’UE: “media”, “più calda” e “più fredda”.