Climatizzatori di casa: i consigli per un uso ottimale

Climatizzatori di casa: i consigli per un uso ottimale

Dalla classe energetica alla posizione fino alla temperatura da impostare e alla pulizia periodica, ecco i consigli redatti dall’Enea per un uso corretto dei climatizzatori senza spese eccessive nella bolletta.

Con l’arrivo dell’estate si avverte l’esigenza di rinfrescare casa. Largo quindi aiclimatizzatori, gli apparecchi che permettono di mantenere un clima confortevole impostando la temperatura dell’aria in casa e riparandosi dalla calura esterna. Ma come usarli al meglio senza pesare troppo sulla bolletta? A fornire dei pratici consigli per un utilizzo ottimale dei climatizzatori è l’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Il primo suggerimento per l’uso intelligente dell’aria condizionata in casa parte dalla scelta proprio del climatizzatore: sono da preferire i modelli in classe energetica A o superiore che permettono di ridurre i costi della bolletta di casa. Quando si decide di acquistare il climatizzatore sono da preferire gli apparecchi dotati di tecnologia ad inverter che adeguano la potenza all’effettività necessità, riducendo i cicli di accensione e spegnimento. Inoltre fino al 31 dicembre di quest’anno l’acquisto dei climatizzatori per casa è agevolato grazie agli incentivi fiscali. Si tratta dell’ecobonus, ossia la detrazione dall’Irpef in misura pari al 65%.

Una volta acquistato il climatizzatore, per garantirne una resa ottimale, va collocato nella parte alta della parete della stanza. Questo perchè l’aria fredda tende a scendere, mescolandosi più facilmente con quella calda che invece tende a salire. Attenzione poi a non mettere il climatizzatore dietro divani o tende poiché verrebbe a crearsi l’effetto barriera, bloccando così la diffusione dell’aria fresca.

quale temperatura va impostato il climatizzatore? In genere è preferibile impostarlo a due o tre gradi in meno rispetto alla temperatura esterna. In alcuni modelli inoltre è possibile anche solo attivare la funzione deumidificazione per sentire refrigerio, questo perchè è l’umidità presente nell’aria che fa percepire una temperatura molto più alta di quella reale. Uno degli errori più frequenti che si fanno quando si parla di climatizzatori è pensare di installarne solo uno, magari nel corridoio di casa, e pensare di rinfrescare tutti gli ambienti. In realtà ogni stanza ha bisogno del suo climatizzatore. Altra cosa importante è non lasciare porte e finestre aperte. Va posta attenzione anche a dove si collocano i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione. Se infatti vengono esposti direttamente al sole potrebbero danneggiarsi.

Infine attenzione alla pulizia e alla corretta manutenzione dell’impianto. I filtri e le ventole devono essere puliti alla prima accensione stagionale e almeno ogni due settimane perché lì possono annidarsi muffe e batteri che possono rivelarsi dannosi per la salute. E’ importante anche controllare la tenuta del circuito del gas quindi la visita di un tecnico alla prima accensione è altamente consigliata.